Il mondo è pieno di luoghi sereni, ma pochi posseggono la bellezza e il fascino del Lago di Carezza. Serenamente adagiato ai piedi del Massiccio del Latemar, nelle Dolomiti Italiane, questa meraviglia naturale offre una vera e propria immersione nello spettacolo della natura.

Molto conosciuto e apprezzato, il Lago di Carezza (Karersee in tedesco) è noto per la sua incredibile bellezza. Il lago, le cui acque sono di un incantevole colore verde smeraldo, si trova a circa 1.500 metri sopra il livello del mare ed è famoso per la sua assoluta limpidezza. Osservando il lago, sembra quasi di poter toccare i sassi sul fondo!

Il lago di Carezza ha una storia affascinante, che viene arricchita da una famosa leggenda locale. L’antico racconto narra di una bellissima ninfa che viveva nel lago e che era l’oggetto del desiderio del mago Masaré.

Lago-di-Carezza

Visita il Lago di Carezza per un giorno e ti troverai immerso in una bellezza naturale tranquilla e magnifica. Questo affascinante lago nasconde tante sorprese, da una leggenda antica a spettacolari opportunità per gli amanti della natura.

Non importa da dove vieni, il Lago di Carezza offre una pace e una tranquillità che ne fanno una meta imperdibile per chiunque visiti le Dolomiti.

Ricorda, però, che la bellezza di questo luogo è fragile e merita il nostro rispetto e la nostra cura.

Lago di Carezza: origini, caratteristiche e dimensioni

Lago-di-Carezza

Questo piccolo specchio d’acqua alpino, noto anche come “Lago dell’Arcobaleno”, è una meravigliosa sorpresa per chi visita l’alta Val d’Ega.

Origine del Lago

Il Lago di Carezza è nato dall’opera della natura stessa attraverso un processo glaciale. La conca che oggi ospita il lago si è formata grazie ai movimenti dei ghiacciai. Successivamente, questa depressione si è riempita d’acqua, creando lo splendido lago che vediamo oggi. Un fatto interessante è che il lago è privo di immissari visibili, essendo alimentato da sorgenti sotterranee.

Le Dimensioni del Lago

Anche se si tratta di un lago alpino di dimensioni relativamente ridotte, il Lago di Carezza non è meno impressionante. La sua dimensione, tuttavia, contribuisce al suo fascino, rendendo il paesaggio ancora più intimo e suggestivo. Nel periodo di massima estensione misura 290 metri x 140 metri.

Quando visitare il Lago di Carezza

Lago-di-Carezza-inverno

Il lago di Carezza è un luogo che è bello visitare tutto l’anno. Tuttavia, ci sono periodi certi dell’anno che esaltano le sue bellezze naturali.

Primavera

Quando il ghiaccio si scioglie e la natura si sveglia, la primavera offre un primo assaggio della bellezza del lago. Durante questo periodo, il lago si riempie d’acqua, le temperature sono miti e la folla dei turisti è ancora limitata. Per chi ama la tranquillità, questo periodo è l’ideale per ammirare lo scintillio dell’acqua e la bellezza dei fiori alpini che sbocciano nei prati circostanti.

Estate

L’estate è probabilmente la stagione più popolare per visitare il lago. Il paesaggio diventa una tavolozza di colori vivaci con le acque del lago che riflettono perfettamente il cielo blu e le montagne circostanti. Durante l’estate, si può godere di giornate lunghe e soleggiate, ideali per le gite in montagna o per un tranquillo picnic sulle rive.

Autunno

L’autunno offre una vista completamente diversa del lago. Gli abeti sempreverdi circostanti vengono accentuati dal cambiamento dei colori autunnali, creando uno spettacolo di colori che contrasta splendidamente con il verde smeraldo e l’azzurro delle acque del lago. Non c’è niente di più romantico che una passeggiata autunnale attorno al lago!

Inverno

Non c’è niente di paragonabile al fascino del Lago di Carezza sotto un manto di neve. Il lago ghiacciato, le cime delle montagne innevate e le sagome scure degli alberi creano un panorama da fiaba. E per gli amanti dell’inverno, ci sono molte stazioni sciistiche nelle vicinanze dove si può godere di una giornata sulle piste.

Indipendentemente dal periodo dell’anno, il Lago di Carezza è sempre un luogo meraviglioso da visitare. Certo, ogni stagione offre un’esperienza unica, ma la bellezza del lago è costante tutto l’anno.

Quindi, scegli il periodo che ti attrae di più e preparati a scoprire la magia del Lago di Carezza!

Lago di Carezza: origine del nome

Lago-dell-arcobaleno

Il nome “Lago di Carezza” ha origini affascinanti. Secondo le informazioni fornite dal Touring Club Italiano, il nome del lago deriva dalle “Caricaceae”, una famiglia di piante con foglie larghe lobate. “Carezza” sarebbe l’adattamento italiano del termine dialettale locale che indica queste piante.

Il Lago di Carezza è noto anche con il nome di “Lago dell’Arcobaleno” grazie alle sue affascinanti qualità cromatiche. Nella lingua ladina, viene chiamato “Lec de Ergobando” o “arcoboàn”, che significa appunto “lago dell’arcobaleno”.

L’acqua del lago assume diverse sfumature di colore, tra cui il verde smeraldo e l’azzurro intenso, a seconda dei riflessi del sole e delle condizioni atmosferiche. Questa caratteristica unica rende il lago un luogo di grande fascino e bellezza, giustificando così il suo suggestivo soprannome.

Lago di Carezza: dove si trova e come arrivare

Lago-di-Carezza

Il Lago di Carezza è situato in Trentino Alto Adige, a Val d’Ega, a soli 25 km da Bolzano. Posto a un’altitudine di 1534 metri, nel territorio del Comune di Nova Levante, il lago si incastra tra le cime del Latemar e del Catinaccio, un’area dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Come arrivare al Lago di Carezza

In auto

Se vieni da Trento o dall’autostrada del Brennero A22, l’uscita da prendere è Val d’Ega/Eggental a Bolzano Nord. Dovrai svoltare a destra lungo la SS 12 e alla rotonda, prendi la terza uscita per Val d’Ega/Eggental lungo la SS241. Segui la SS241 fino al lago, che vedrai sulla destra, mentre il parcheggio si troverà sulla sinistra.

Se arrivi da Bolzano, dovrai seguire le indicazioni per Cardano lungo la SP22, arrivando alla rotonda dell’autostrada, prendi l’uscita Val d’Ega/Eggental Nova Levante lungo la SS241 fino al lago.

Se arrivi da Moena, Canazei o da altro paese della Val di Fassa, dovrai raggiungere Vigo di Fassa dove si imbocca la strada SS241. La via prima sale per raggiungere il passo Costalunga poi scende per arrivare al lago.

In treno e bus

Per raggiungere il lago di Carezza in treno, dovrai scendere alla stazione ferroviaria di Bolzano e proseguire con il bus. Da diverse località nelle valli, è possibile raggiungere il lago con il bus.

Parcheggiare al Lago di Carezza

Di fronte al lago, sul lato opposto della strada, si trova un parcheggio a pagamento. Il costo per auto e moto è di 2 euro la prima ora, 4 euro per 2 ore, 6 euro fino a 6 ore, 12 euro fino a 12 ore e 24 euro per una giornata completa. Per camper e autobus, il costo è di 9 euro fino a 3 ore, 18 euro fino a 12 ore e 30 euro per una giornata.

A pochi minuti a piedi c’è un altro parcheggio gratuito, per le auto ma non per i camper, da cui si raggiunge il lago attraverso il sentiero n. 6 e il ponte sospeso.

Ancora più distante, a circa 2 km, c’è un altro parcheggio, gratuito per auto, ma con una tariffa di 10 euro per i camper dalle 19:00 alle 7:00.

Durante i giorni di apertura del mercatino di Natale, una navetta gratuita con corse ogni 10 minuti dalle 11:00 alle 20:00, collega il parcheggio 3 con il lago.

Arrivare al Lago di Carezza a piedi

È possibile raggiungere il lago anche partendo a piedi dal centro di Nova Levante, attraverso il sentiero 10A, un percorso totale di circa 9 km (andata e ritorno). In alternativa, è possibile parcheggiare l’auto ad Obereggen, nel piazzale della seggiovia, e procedere lungo un sentiero di 15km (andata e ritorno) seguendo il sentiero n 8, o ancora presso la malga Stadl Alm, da cui raggiungere il lago a piedi.

La Leggenda della Ninfa Ondina

Lago-di-Carezza-drone

Il Lago di Carezza racconta una storia di amore e magia antichi quanto le maestose montagne circostanti. Oltre all’incantevole panorama e alle magiche sfumature di colore, il “Lago dell’Arcobaleno” è famoso per una leggenda romantica che coinvolge il mondo delle fatte e delle ninfe.

Il Canto Seducente di Ondina

La storia inizia con la stupenda ninfa dai capelli dorati, Ondina, che amava abitare nelle acque cristalline del Lago di Carezza. La sua voce soave cantava delle melodie dolcissime che si diffondevano sul lago, plasmando l’aria della sera con note melodiose. Era un canto tanto ammaliante da attrarre l’attenzione del mago dello Latemar, una montagna imponente che si ergeva nelle vicinanze.

Un Amore Non Corrisposto

Il mago, colpito dalla meravigliosa bellezza e dalla voce melodiosa di Ondina, si innamorò perdidamente della ninfa. Tuttavia, non riusciva a comunicarle i suoi sentimenti dato che Ondina si rifugiava nel lago ogni volta che lui appariva. Pertanto, decise di chiedere aiuto alla strega del Latemar.

Un Arcobaleno Fallito

Seguendo il consiglio della strega, il mago creò un magnifico arcobaleno che collegava il Latemar al Lago di Carezza, sperando di ammaliare Ondina. Coprì l’arcobaleno con preziosi gioielli e aspettò nascondendosi. Purtroppo, dimenticò di vestirsi da pescatore, come la strega gli aveva suggerito.

Quando Ondina emerse e vide l’arcobaleno, restò senza parole. Ma quando il mago si fece avanti per dichiarare il suo amore, la ninfa, spaventata, si immerse nel lago per non riapparire mai più.

La Furia del Mago

Disperato, il mago distrusse l’arcobaleno, facendo volare i suoi frammenti nel lago. Furioso e deluso, il mago si ritirò per sempre sul Latemar.

Da allora, l’acqua del Lago di Carezza riflette mille colori, proprio come un arcobaleno, a ricordo della triste storia d’amore tra la ninfa Ondina e il mago del Latemar. E ogni volta che i raggi del sole si riflettono sulle acque, si può quasi ascoltare il dolce canto di Ondina che risuona tra le vette.

Cosa fare al Lago di Carezza e dintorni

Lago-di-Carezza

Ecco alcune attività emozionanti e interessanti che puoi fare al Lago di Carezza e nei suoi dintorni.

Ammirare la bellezza del Lago di Carezza

Prima di tutto, è impossibile visitare il Lago di Carezza senza fermarsi ad ammirare la sua bellezza. Questo lago verde smeraldo si trova incastonato come una gemma nelle Dolomiti, ai piedi del Massiccio di Latemar. La vista dell’acqua cristallina circondata da crinali di montagne frastagliate e verdi pascoli è davvero incredibile. Approfitta di questa esperienza per scattare qualche foto spettacolare!

Camminare o fare escursioni a piedi

Il Lago di Carezza e la zona circostante offrono numerose opportunità per fare escursioni a piedi. Ci sono sentieri di varia difficoltà, ideali sia per escursionisti esperti che per principianti. Due delle opzioni più popolari sono il sentiero che circonda il lago, che offre una facile e rilassante passeggiata di circa 30 minuti, e il sentiero che conduce fino alla cima del Massiccio di Latemar, un’escursione più impegnativa ma che regala panorami mozzafiato.

Andare in montagna in bicicletta

Se ami le escursioni in bicicletta, la Val d’Ega offre numerose piste ciclabili che vanno dalle più facili alle più impegnative. Una delle più amate è quella che porta alla baita Ganischger Alm, dare un’occhiata all’alba o al tramonto da qui è semplicemente magico.

Giocare a Golf nel Cuore delle Dolomiti

Se sei appassionato di golf, il Golf Club Carezza, a pochi chilometri dal lago, è un campo da 9 buche situato tra splendidi boschi di larici e faggi. Non è solo una sfida per i golfisti di tutte le abilità, ma offre anche una vista mozzafiato sulle Dolomiti.

Sciare in inverno

In inverno, la zona circostante il Lago di Carezza si trasforma in un paradiso bianco. Puoi goderti una varietà di sport invernali come lo sci, lo snowboard, lo sci di fondo e le ciaspolate. Le stazioni sciistiche nelle vicinanze di Carezza e Obereggen offrono piste ben preparate e moderne infrastrutture.

Scoprire la cultura e la tradizione locale

Infine, puoi approfittare del tuo soggiorno al Lago di Carezza per scoprire la cultura e le tradizioni locali. Visita il vicino paese di Nova Levante dove potrai gustare deliziose specialità culinarie altoatesine e scoprire l’artigianato locale.

Ricordati, il Lago di Carezza ha molto da offrire in qualsiasi stagione dell’anno: dalla natura di un profondo respiro alle avventure più intense, alla scoperta della deliziosa cucina locale.

È davvero un viaggio che vale la pena fare!

FAQ

Ecco alcune delle domande più frequenti sul Lago di Carezza, insieme alle relative risposte.

1. In quale periodo dell’anno è meglio visitare il Lago di Carezza?

Il lago può essere visitato tutto l’anno. Ogni stagione offre una vista diversa e unica del lago. L’estate è il periodo migliore per le escursioni, mentre l’inverno offre lo spettacolo di un lago quasi completamente ghiacciato.

2. È possibile fare il bagno nel Lago di Carezza?

No, non è consentito fare il bagno nel lago. Questo per proteggere l’ecosistema unico del lago e mantenere l’incredibile purezza e chiarezza delle sue acque.

3. È possibile fare picnic sulla riva del lago?

No, non è consentito fare picnic direttamente sulla riva del lago. Ci sono però nelle vicinanze delle aree attrezzate per i picnic.

4. Si può pescare al Lago di Carezza?

No, la pesca non è consentita al Lago di Carezza per proteggere le specie di pesci che vi abitano.

5. Ci sono servizi igienici vicino al lago?

Sì, ci sono servizi igienici nella vicina zona del parcheggio.

6. È possibile portare animali domestici al Lago di Carezza?

Sì, gli animali domestici sono ammessi ma devono essere tenuti al guinzaglio.

7. Ci sono percorsi accessibili ai disabili o buggy?

Sì, il sentiero attorno al lago è facilmente percorribile e accessibile anche per i visitatori con disabilità e per i buggy.

8. Quanto tempo ci vuole per fare il giro del lago?

Il giro del lago impiega circa 20-30 minuti a piedi a passo lento.

9. Sono disponibili attrazioni o attività per i bambini?

Sì, ci sono molte attività per i bambini nella zona, inclusi percorsi di escursionismo adatti ai bambini, parchi giochi e scoperta della natura. Inoltre, il Lago di Carezza è circondato da molte leggende, tra cui quella di una ninfa che secondo la leggenda abitava il lago, storie che possono stimolare l’interesse e la fantasia dei bambini.

10. Si possono fare foto e video?

Sì, foto e video sono consentiti, ma è importante rispondere al codice di comportamento e rispetto dell’ambiente naturale.

Fotografie del Lago di Carezza

ALLOGGI SULLE DOLOMITI
Scopri i migliori Hotel, B&B e Appartamenti in Montagna in base a migliaia di recensioni verificate.